Ponte del 25 aprile, otto mete per tutti i budget

di Micaela De Medici e Arianna Garavaglia

STAMPA INVIA IN EMAIL riduci testo ingrandisci testo
Veduta della Moschea Blu (foto Alamy / Milestone Media)

I diamanti del Topkapi e le cupole decorate della Moschea Blu a Istanbul. L'enigmatica Sfinge nel deserto a Giza e il Palazzo dei Papi di Avignone. E ancora Van Gogh a Genova e il mare caraibico della Sicilia. Da Oslo al deserto egiziano, tutte le idee di Viaggi24 per una minivacanza di primavera

Una settimana di break. Da dedicare alle bellezze architettoniche della Toscana o a esplorare la Medina di Marrakech. Da passare a naso in su per ammirare le stelle nel deserto egiziano o in navigazione lungo i fiordi norvegesi. Ecco qualche idea di viaggio per un assaggio d'estate, tra arte, relax e buon cibo.

Guarda la gallery

ITINERARIO IN TOSCANA

Vicina, e ricca di angoli da scoprire. O riscoprire. Sì, perché questa è una delle stagioni più belle per visitare la Toscana e le sue colline. Si può fare tappa a Siena, con la celebre piazza del Campo; e magari andare alla ricerca, tra le viuzze del centro storico, della casa natale di Pia de' Tolomei, citata da Dante nel V canto del Purgatorio. Ma l'itinerario prosegue con Pienza, che papa Pio II Piccolomini volle come "città ideale", uno degli esempi più significativi della progettazione urbanistica del Rinascimento, con i suoi palazzi e la Cattedrale. Vale senza dubbio una sosta Bagno Vignoni, in Val d'Orcia, uno dei borghi medievali più suggestivi della regione grazie alla sua singolare struttura: le locande, le abitazioni e la chiesa di San Giovanni Battista si sono sviluppate attorno alla vasca alimentata dalle acque delle sorgenti termali, già note in epoca romana.

GENOVA, IN VIAGGIO CON VAN GOGH
Se per questi giorni avete a disposizione solo un piccolo budget, Genova vi offrirà ugualmente la possibilità di godervi una bella vacanza. Si arriva in treno e la città si gira facilmente a piedi. Se quello che cercate è l'arte, il capoluogo ligure offre una vasta scelta: si visitano i Palazzi dei Rolli, dimore nobiliari che, tra Sei e Settecento, facevano a gara per ospitare papi, principi, artisti in missione diplomatica o finanziaria. Inoltre, c'è tempo fino al 1°maggio per visitare la mostra Van Gogh e il viaggio di Gauguin a Palazzo Ducale: 80 capolavori della pittura europea e americana del XIX e del XX secolo e una decina di lettere originali di Van Gogh. Il tutto ruota intorno al tema del viaggio, inteso anche come avventura interiore. Cuore dell'esposizione sono 40 opere di Van Gogh e il celebre quadro di Paul Gauguin Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo? E se tutto questo non bastasse, un piatto di pansoti alle noci o di trenette al pesto daranno piena giustificazione al vostro viaggio.

IN SICILIA, TRA MARE E TEMPLI
Una striscia di sabbia bianca che si immerge nel mare trasparente dai riflessi caraibici. San Vito lo Capo, meta di mare preferita in Italia dagli utenti del sito di recensioni di viaggio Tripadvisor, mischia buona cucina, sole e ospitalità. Parte da qui un piccolo itinerario nel nord-ovest della Sicilia. Da non mancare a un'ora d'auto, una tappa a Segesta con il suo teatro greco e il tempio dorico perfettamente conservati. E poi rotta in collina, a Erice, borgo di origine medievale con le sue splendide fortificazioni normanne. Infine, prima di ripartire, ritorno a San Vito per il primo tuffo di stagione.

MARRAKECH HIPPIE CHIC
La città rossa. Così è soprannominata Marrakech per via dei suoi edifici color rosa antico, realizzati con la particolare tecnica del pisé. Amata da artisti, scrittori e bohémien, come Gustave Flaubert e Henri Matisse, ma anche da cantanti (Rolling Stones primi fra tutti) e hippie chic negli anni '60, la città conserva intatto il suo fascino. Da non perdere, i luoghi simbolo: l'enorme piazza Jema'a el-Fnaa, attorno alla quale si sviluppa la Medina, il souq, la moschea della Koutubia, sovrastata dal minareto alto circa 77 metri, visibile da ogni punto della città, le tombe Sa‘didi del XVI secolo. Per gustare a fondo l'atmosfera di Marrakech l'ideale è soggiornare in un riad, godersi una passeggiata al Jardin Majorelle. E, ovviamente, non partire prima di avere assaggiato il famoso tè alla menta marocchino.

MINICROCIERA NEI FIORDI DELLA NORVEGIA
Chi ama l'eleganza delle atmosfere nordiche può approfittare del ponte per ammirare l'architettura di Oslo e navigare tra i fiordi norvegesi. Con tre giorni a disposizione tra le vie della capitale scandinava non si può perdere il futuristico palazzo dell'Opera in vetro e marmo italiano che sembra affiorare dal mare, l'ottocentesco Palazzo Reale e la fortezza medievale di Arkershus. E poi si parte per una minicrociera in battello nel fiordo di Sognefjord per raggiungere Bergen, ex capitale del Paese famosa per il quartiere dei mercanti della Lega Anseatica tutelato dall'Unesco.

ISTANBUL: MUSEI D'ARTE CONTEMPORANEA E DIAMANTI AL TOPKAPI
Città sospesa tra millenni e continenti ma dinamica e contemporanea. Istanbul continua ad affascinare il viaggiatore che non smette mai di tornare. Il ponte del 25 aprile può essere l'occasione per raggiungere l'antica Costantinopoli. Da non perdere il quartiere di Sultanhamet dove, in poche decine di metri, scorre la storia dell'impero bizantino testimoniata dalle cupole di Santa Sofia. Lo sfarzo dell'impero ottomano evidente nei troni d'oro massiccio e negli gli scettri tempestati di diamanti del Topkapi, e le sublimi architetture della Moschea di Solimano e della Moschea Blu. Prima di tornare a casa vale la pena di visitare l'Istanbul Modern, il museo d'arte moderna e contemporanea ricavato dagli spazi dei vecchi magazzini navali del porto di Karakoy. Oltre alle opere dell'arte turca da ammirare la vista sul Bosforo e sui profili dei minareti, skyline inconfondibile della città turca.

SFINGI NEL DESERTO
Quindici milioni di abitanti, o forse di più. Nessuno sa con certezza quanti cittadini abbia Il Cairo, megalopoli africana con i vialoni in stile francese, lascito del suo passato cosmopolita, e i vicoli inondati da piccoli commerci. Una città tutta da esplorare e alla quale dedicare almeno cinque giorni. Con visite al quartiere islamico, alla Cittadella costruita da Saladino nel XII secolo e all'ottocentesca Moschea di Mohamed Alì, e al quartiere copto. Da non perdere, ovviamente, le piramidi e la sfinge - i monumenti forse più fotografati al mondo - e una notte sotto le stelle in un campo tendato nel Deserto Bianco.

IN CROCIERA SUL RODANO
Il sud della Francia visto dal fiume. La nave salpa da Lione e prosegue per alcune delle località più belle del Paese: Macon, Chalon-sur-Saône, Tournus, Avignone, Arles, Viviers, La Voulte. Si visita la cattedrale di Saint-Jean a Lione; il Palazzo dei Papi di Avignone, edificato a partire dal 1335 e residenza del Pontefice nel corso del XIV secolo, dichiarato Patrimonio dell'Umanià dall'Unesco; il centro storico di Arles, che segue ancora l'impianto di età romana.

13 aprile 2012

Per saperne di più e per organizzare il vostro viaggio consultate la pagina degli indirizzi

Rating:

Voti